2004-2006 – Coordinamento scientifico del progetto intitolato “Combattere la desertificazione con le conoscenze tradizionali – Contributo alla sicurezza euromediterranea”. L’impatto congiunto delle cause umane e naturali del degrado del suolo può rappresentare un grave afflusso umano sia dall’Africa subsahariana all’Africa settentrionale e dalla regione MENA all’Europa.

Un tale movimento umano massiccio dovrebbe attirare trasformazioni socioeconomiche indesiderate nei paesi destinatari su entrambe le sponde del Mar Mediterraneo. Una misura possibile per alleviare un simile movimento è aiutare le persone nei paesi del Mediterraneo orientale e meridionale ad affrontare meglio la successione della siccità attraverso la conservazione del terreno e delle risorse idriche. In questo contesto, il degrado e la desertificazione del terreno saranno analizzati come un elemento di sicurezza per la dimensione della sicurezza ambientale con particolare attenzione alle interazioni tra l’individuo umano come causa, contribuente e vittima di un cambiamento ambientale globale.
Come sfida per la sicurezza umana, la desertificazione pone gravi problemi per la sicurezza alimentare, sanitaria e di vita. La desertificazione è concettualizzata come una molteplicità di nuove sfide di sicurezza che non presentano minacce militari, ma sfide ambientali, vulnerabilità e rischi per il benessere, la sopravvivenza degli individui e la stabilità nazionale.

Questa cooperazione riunirà quattro scienziati naturali e uno scienziato sociale che si concentrerà su diverse discipline sulle implicazioni di sicurezza degli sforzi di desertificazione. Questo sforzo interdisciplinare unico sarà la maggior parte
Probabilmente contribuirà ad una politica di fissazione delle nuove sfide di sicurezza morbide.